Regione Veneto

Ex Chiesa di Santa Maria degli Angeli

Il progetto di riqualificazione complessiva dell' Ex Chiesa di Santa Maria degli Angeli in via Roma (ex centro giovanile) – ora ospitante l'Auditorium comunale intitolato a “Don Remo Castegini” - eseguito nel 2013/14, ha visto il rifacimento della copertura, la sistemazione del vano principale e dell’ingresso e la demolizione delle opere aggiunte negli anni Trenta al fine di riscoprire l'antica fronte originale sul lato ovest e la riqualificazione interna dell’edificio, citato per la prima volta in una fonte storica nel 1526. L’obiettivo è stato appunto di coniugare la conservazione delle strutture originali e la fruizione civica degli spazi: il fabbricato di via Roma ha infatti caratteristiche meritevoli di valorizzazione, che ben si offrono per ospitare le molteplici attività della comunità oppeanese nel cuore della piazza. Proprio la storia dell’ex chiesa di Santa Maria degli Angeli è interessante, date le molte vicissitudini che ne hanno cambiato destinazione d’uso nei secoli: fonti accertate ricordano che il centro e l’annessa torre, esito della trasformazione ottocentesca del campanile, che comportò anche la demolizione dell´abside, rimangono di proprietà della parrocchia fino al 1805. Nel 1867 i locali sono occupati bonariamente dal Comune; ma solo nel 1882 l’Ente perfeziona, con l´acquisto definitivo, l´uso dell´immobile, contribuendo alla costruzione del nuovo oratorio accanto alla chiesa. Nel 20° secolo il complesso comprende anche la sede municipale e un´abitazione. In alcune di queste stanze molti bambini del paese frequentano le scuole elementari, mentre la sala polivalente ospita, negli anni ’20, addirittura alcune famiglie sfrattate. Dieci anni dopo, all´interno del centro si ricava il primo teatro-cinematografo di Oppeano. Per l´occasione, sono edificati la loggia e il vano scale esterno per raggiungere la sala. Successivamente, il complesso passa alla parrocchia che decide di smembrarlo, con la vendita di alcune porzioni ai privati. Diventano di proprietà della parrocchia il salone ed alcuni locali accessori, due abitazioni furono cedute a privati cittadini, mentre restano di proprietà pubblica la sala al primo piano, quasi inaccessibile, e la torre civica, restaurata nel 2009. L´ex chiesa e l´ex teatro diventano poi il centro giovanile «San Giovanni Bosco», aperto nel 1980 per offrire un punto di aggregazione alla comunità, in particolare ai giovani. Nel 2009 il centro giovanile viene chiuso, in quanto sostituito dalle nuove sale ricavate vicino alla Chiesa e alla canonica. Adesso si aggiunge un ulteriore tassello alla storia di questo importante edificio, memoria della cultura, della tradizione e dell’identità della comunità oppeanese.




 
torna all'inizio del contenuto