Regione Veneto

Opere di urbanizzazione per la piazza Domenico Marcolongo a Oppeano

Pubblicata il 04/01/2019

Prevista la sostituzione alberi e marciapiedi, rifacimento del manto stradale e segnaletica, adeguamento spazi e parcheggi; inoltre sostituiti i punti luce obsoleti con altri a basso consumo energetico

La Giunta comunale a fine 2018 ha approvato il progetto per le opere di urbanizzazione di Piazza Domenico Marcolongo a Oppeano. La piazza “delle poste” necessita infatti di una riqualificazione sia per quanto riguarda l’arredo urbano che per adeguare l’illuminazione, sostituendo i punti luce con altri a basso consumo energetico. Tale obiettivo rientra anche nel PAES – Piano d’azione per l’energia sostenibile, il cui obiettivo è di ridurre del 25% entro il 2020 le emissioni di anidride carbonica nel Comune.
“Il progetto per piazza Marcolongo prevede una spesa di 99.900,00 euro, comprensiva di: sostituzione degli alberi con altri autoctoni, dei marciapiedi con altri in porfido, oltre al rifacimento del manto stradale e della segnaletica orizzontale, con adeguamento degli spazi a parcheggio e dell’illuminazione. Inoltre verranno installate ulteriori luci a basso consumo - spiegano il Sindaco Pierluigi Giaretta e l’Assessore delegato ai Lavori Pubblici Valerio Peruzzi;-  e verrà ripensata e migliorata la viabilità all’interno della piazza”.
Insomma un intervento di grande importanza per ridare qualità estetica e funzionale alla piazza centrale del paese, molto frequentata, che collega via Roma col centro sportivo Le Fratte, dove verrà prossimamente realizzata la nuova scuola dell’infanzia da 2.705.000,00 euro; inoltre la Piazza è situata di fronte alle scuole elementari e anche per questo il parcheggio è quotidianamente molto utilizzato. Si ricorda che l’ultima sistemazione della piazza risale a circa 25 anni fa e che il progetto per le opere di urbanizzazione era stato inserito nel programma dell’Amministrazione comunale, al fine di renderla un centro di ritrovo per la comunità e un fiore all’occhiello del nostro Comune.


Facebook Google+ Twitter
torna all'inizio del contenuto