Regione Veneto

Città di Oppeano
Portale Istituzionale

Seguici su

Convenzione con le scuole dell’infanzia di Oppeano, Vallese e Ca’ degli Oppi, fino al 2024 erogati 920.000,00 euro

Pubblicata il 24/11/2021

1.200,00 euro a bambino a sostegno della qualità dei servizi forniti ai piccoli oppeanesi
 
In novembre il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità il rinnovo delle convenzioni con le scuole dell’infanzia di Oppeano, Vallese e Ca’ degli oppi.
Un sostegno che l’Amministrazione comunale continua a garantire ai piccoli alunni erogando come previsione di spesa 920.000,00 euro per i prossimi tre anni educativi, da quello in corso fino al 31 agosto del 2024. Nel dettaglio la spesa prevista è di 122.000,00 euro quest’anno, 307.000,00 euro nel 2022, 307.000,00 euro nel 2023 e 184.000,00 euro nel 2024.
Le convenzioni con le scuole paritarie dell’infanzia “Ai Caduti” di Oppeano, “Arcobaleno” di Vallese e la materna “Ca’ degli Oppi” prevedono che per ogni bambino frequentante il Comune contribuisca con 1.200,00 euro all’anno euro; i contenuti delle convenzioni, in accordo coi Presidenti dei Comitati di gestione, rimangono invariati.
“Nei tre comitati di gestione vi sono rappresentanti del Comune e genitori eletti internamente alle scuole, che assieme agli insegnanti, coordinatori, … ringraziamo per l’impegno profuso; in passato, e soprattutto in concomitanza con la pandemia da Covid-19, oltre ai 1.200,00 euro a bambino l’Amministrazione comunale di Oppeano è sempre stata disponibile ad erogare contributi straordinari alle scuole dell’infanzia, risorse preziose e indispensabili per la comunità, soprattutto nel caso di genitori lavoratori; il nostro Comune è nella fascia medio-alta tra gli Enti locali che maggiormente sostengono le scuole dell’infanzia paritarie”, spiegano il sindaco Pierluigi Giaretta e l’assessore delegato alla scuola Emanuela Bissoli; - Auspichiamo soprattutto che perdurino anche in futuro gli ottimi rapporti di collaborazione coi comitati dei genitori, nonché con insegnati, coordinatrici e personale”.

Categorie scuola

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto