Regione Veneto

Città di Oppeano
Portale Istituzionale

Seguici su

Lavori Pubblici

Opere Pubbliche 2021 - in corso: 

NUOVO PONTE SUL MENAGO A VILLAFONTANA
Il Comune è pronto per eseguire la bitumatura e la successiva apertura provvisoria al traffico.
Nel 2020 era stata aperta al traffico la rotonda di via Villafontana, in corrispondenza delle vie Villafontana (S.P. n. 2), Crear e Cà Dell'Ora: la rotatoria permette di regolare al meglio l’ingente traffico veicolare presente nel centro abitato.
Anche questo cantiere per il nuovo ponte sul Menago va a favore della sicurezza della viabilità e dei residenti di Villafontana: i lavori, in condivisione con Isola della Scala, erano iniziati la scorsa primavera 2020. Interrotti poi a causa dell’emergenza Covid sono ripresi in autunno, a seguito disponibilità del Consorzio di Bonifica. Nel dettaglio l’intervento ha visto la realizzazione di un ponte di lunghezza 16,5 metri circa, composto da 3 parti: un ponte vero e proprio sul Menago di 12 m, uno realizzato su scatolare per lo scolo Moceniga da 3 m. e un ulteriore su scatolare per il piccolo corso d’acqua da1,5 m.
 

CONVERSIONE IRRIGUA DEL BACINO DI CÀ DEGLI OPPI: IL CONSORZIO DI BONIFICA VERONESE RIVOLUZIONA L’IRRIGAZIONE A OPPEANO, BOVOLONE ED ISOLA RIZZA  
“Un intervento che permetterà la razionalizzazione della fornitura dell’acqua ai terreni, riducendo quasi a zero i rischi di spreco di questa preziosa risorsa e aiutando le aziende agricole nel loro lavoro quotidiano”. Così il presidente Alex Vantini sintetizza i lavori che il Consorzio di Bonifica Veronese sta effettuando su un’estensione di 550 ettari agricoli nei territori nella zona della media pianura veronese ricompresi tra i dei Comuni di Oppeano, Bovolone e Isola Rizza.
Obiettivo del progetto per la conversione irrigua del bacino di Cà degli Oppi è, appunto, quello di ammodernare il servizio irriguo rifornendo le aziende di acqua già in pressione, riducendone al tempo stesso il consumo, data la migliore efficienza dei sistemi di somministrazione irrigua localizzata rispetto al sistema a scorrimento.consorzio cdo 1.jpg
La fornitura d’acqua in pressione presenta ulteriori vantaggi rispetto alle primitive forme di irrigazione a scorrimento o sommersione, in particolare la possibilità di adottare tecniche irrigue differenti a medio-basse pressioni, come aspersione sottochioma, microirrigatori o goccia, in funzione delle specifiche esigenze delle singole aziende.
Ma l’intervento non si limita ai territori oggi coinvolti dal progetto. In futuro, infatti, è prevista anche la conversione irrigua dei terreni contigui già irrigati ed alimentati dai collettori Bongiovanna Paradiso e Bongiovanna Cà degli Oppi Pelleghe, per una estensione complessiva di ulteriori 127 ettari.
I lavori in corso sono stati appaltati alla ditta Beozzo Costruzioni Srl di Villa Bartolomea, per un importo di 3.164mila euro.
“L’intervento di Cà degli Oppi – indica il Direttore Generale, l’Ingegnere Roberto Bin – si affianca a due analoghi interventi che stiamo eseguendo a Palazzolo nei Comuni di Sona e Bussolengo e nei Comuni di Villafranca, Sommacampagna e Valeggio sul Mincio. Interventi che hanno un costo complessivo di 20 milioni di euro e sono finanziati con fondi comunitari dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, a seguito di una selezione nazionale che ha premiato i migliori 19 progetti su oltre 70 presentati da altrettanti Consorzi di Bonifica di tutta Italia”.
La messa in funzione del nuovo impianto è prevista per la stagione irrigua del 2022.
“Il paese, le dinamiche occupazionali e sociali di quasi un secolo fa sono cambiate, ma l'acqua ed il Consorzio hanno dato il via alla formazione e allo sviluppo di una comunità, contestualmente alla frammentazione del latifondo: l'emergere della piccola proprietà contadina, dell'intraprendenza e della cooperazione popolare – spiega l’Assessore Luca Faustini; - L'utilizzo accurato ed avveduto di una risorsa in eccesso, l'acqua pompata dalla Valle, migliorò la rendita di terreni sabbiosi, portando alla comparsa di nuove attività commerciali ed artigiane che caratterizzano ancor oggi l'assetto del paese e creando un clima di coesione sociale delle famiglie pregno di fiducia nel futuro, rivoluzionando le abitudini ed innovandole. Complimenti al Consorzio per la realizzazione dell'infrastruttura e soprattutto per la lungimiranza dimostrata pensando questo progetto tempo addietro e per la tenacia nel perseguire l'obiettivo”, conclude Faustini.
Il Consigliere comunale Remo Molinari aggiunge: “Si tratta di un sistema moderno di irrigazione, nell’ottica di una sempre maggiore automatizzazione dell’irrigazione dei nostri campi. Dove questo sistema è utilizzato da anni, gli agricoltori ne sono molto soddisfatti”.
Infine il Sindaco Pierluigi Giaretta commenta: “Questo nuovo sistema di irrigazione consentirà di centellinare il consumo dell’acqua e di contenere lo spreco. Inoltre dà la possibilità agli agricoltori di gestire la quantità di acqua da utilizzare per l’irrigazione; sappiamo quanto sia indispensabile e importante l’acqua per i campi di frumento e granturco, ed è quanto mai necessario un monitoraggio che possa dare soluzione al problema della siccità, che si trascina da anni. Un ringraziamento al Consorzio di Bonifica Veronese per l’impegno posto in questo progetto a favore del territorio di Oppeano”.
 
 
NUOVA ROTATORIA IN VIA SPINETTI A VALLESE
L’opera da 430.000,00 euro mette in sicurezza il pericoloso incrocio, in un’ottica di riconfigurazione della viabilità


Sono iniziati a Vallese i lavori per la nuova rotatoria in via Spinetti (S.P. 44/a), in corrispondenza dell’uscita della S.S. 434; il Comune ha ottenuto il via libera anche da Anas Spa. 
L’isola rotazionale viene infatti realizzata nelle vicinanze dell’azienda Calzedonia-Intimissimi al fine di garantire una mi­gliore scorrevolezza al transito stradale degli autoveicoli oltreché condizioni di sicurezza ottimali nel pericoloso incrocio creato dall’uscita della SS 434. In sostanza l’infrastrut­tura avrà un ruolo centrale nella strategia di assetto viabilistico del territorio di Vallese, mettendo in sicurezza l’entrata e l’uscita della S.S. 434, Vallese Sud, ad oggi purtroppo non adeguate.
“L’Amministrazione comunale si è impegnata a lungo per realizzare questa rotatoria, attesa da tempo, e ha tenuto conto delle necessità tecniche, incontrando gli altri Enti coinvolti nel progetto – spiega il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Valerio Peruzzi; - Si è riusciti, con perseveranza, a trovare i finanziamenti per il cantiere che prevede anche di riconfigurare gli accessi della S.S. 434 in parziale sostituzione agli attuali, secondo uno schema già concordato con ANAS e  Provincia di Verona. In particolare il progetto prevede di integrare, spostandola definitivamente, l’attuale immissione in S.S. 434 di Vallese Sud che attualmente si trova isolata poche centinaia di metri più avanti in località Osteria. Tale intervento in futuro potrà permettere la realizzazione dell’ultimo tratto di complanare, come da programmazione iniziale della stessa”.
In dettaglio la rotatoria di via Spinetti sarà composta da una corsia unica, con 4 rami e avrà un diametro di 50 metri; sono stati previsti oltre alle opere stradali anche i sottoservizi e l’impianto di pubblica illuminazione. Il costo dell’opera è di 430.000,00 €, coperto con contributo della Provin­cia di Verona di 215.00,00 € e da 215.000,00 € con fondi di bilancio del Comune.
Con questo intervento l’Amministrazione comunale di Oppeano intende proseguire nelle opere di miglioria alla viabilità sul territorio di Vallese, dopo la realizzazione della rotatoria di via Bassa nel 2019.
 
LAVORI DI TOMBINAMENTO DEL PIGANZO A OPPEANO 
Per aumentare il parcheggio
 
Lo scorso 18 gennaio 2021 sono iniziati i lavori per l’intervento di tombinamento dello scolo Piganzo nel capoluogo, adiacente alla Parrocchia (spesa circa 56.000,00 € + iva di legge coperta da fondi propri), col quale si prevede di aumentare gli attuali posti auto con un parcheggio a favore della vicina Chiesa e della scuola materna “Ai Caduti”.
Il Consorzio di Bonifica Veronese provvede ad abbassare il livello dell’acqua e, in concomitanza col cantiere, via Francesco Petrarca viene chiusa al traffico.
 

TERMINATA LA ROTATORIA DI VIA CADALORA 
Sicurezza per veicoli e ciclisti e per chi accede al cimitero

La nuova rotatoria di via Cadalora a Ca’ degli Oppi, che regola l’incrocio del cimitero, in passato scenario di diversi incidenti, è stata terminata. Il costo dell’opera è di 600.000,00 euro, con un contributo di 250.000,00 euro dalla Provincia e di 220.000,00 euro da Anas Spa, Ente gestore della Superstrada.
L’Amministrazione comunale ha provveduto anche a terminare la ciclabile che collega Oppeano e Ca’ degli Oppi e a completarne un tratto per collegarla con quella esistente su via Dei Bursi (costo 35.332,00 euro).   
Sono stati installati altri punti luce, dei quali 3 anche nel sottopasso della Transpolesana per renderlo maggiormente sicuro (per il completamento dell’illuminazione spesi 6.468,00 euro) e 2 prima del sottopasso. Fra il sottopasso e via Dei Bursi sarà posizionato un ulteriore punto luce.
Inoltre sono stati spostati i pozzettoni del Consorzio di Bonifca interferenti con la ciclabile.
Si fa presente che contestualmente alla realizzazione della rotatoria, il progetto ha compreso anche il riposizionamento dell’accesso alla S.S. 434 direzione Legnago-Verona (come da accordi con Anas) e la messa in sicurezza della corsia di ingresso ed uscita dal camposanto mediante attraversamenti protetti e rialzati.
Il diametro della rotatoria è 40 m. e la stessa è provvista di uno spartitraffico verde con la siepe; tra essa e la pista ciclopedonale ed è stata realizzata una torre faro d’illuminazione con Led. La rotatoria è stata dotata di tutti i sottoservizi.
torna all'inizio del contenuto